San Valentino: 3 verità da espatriati

Buon San Valentino a tutti! Ebbene sì, sono passati esattamente tre mesi da quando siamo arrivati ad Anversa, il bilancio è d’obbligo. Viene naturale pensare che tre mesi sono troppi pochi per ricostruire una vita altrove con un bimbo, ed è così. È tutto un work in progress, ma cercherò di riassumere come ci si sente in questa attraversata perché, credo, possa essere utile a chi come noi sta vivendo questo viaggio a chi lo vuole intraprendere. In questo giorno dedicato all’amore ho provato a riassumere per temi e foto i nostri 92 giorni di speranza e incazzature che hanno rafforzato il nostro amore.

3 verità sul nostro San Valentino

Prima verità. Staremo a casa!!! Se cambiate vita con un bimbo piccolo rimane poco tempo per la coppia. È normale che ci si senta un po’ lontani, ma bere un bicchiere di vino ascoltando un po’ di musica e fare l’amore quando il piccolo dorme, è una soluzione per prendersi un po’ di tempo.

Noi tre prima di partire

Seconda verità. Non abbiamo mai festeggiato San Valentino con cuori, fiori e cene fuori, ma quasi quasi questa volta faccio una torta, anzi la compro! Dimenticavo…non abbiamo nemmeno il forno!

Terza verità. Quando si è espatriati, la famiglia ristretta (“gezin” detto in fiammingo) diventa la tua forza, il nido ti accoglie sempre e la coppia (se non scoppia prima), ha un motivo in più per essere unita, quindi…Buon San Valentino a noi che ogni giorno lottiamo per preservare il nostro amore e trovare una soluzione per far andare dritte le cose.

Se dovessimo fare un bilancio di questi tre mesi lo riassumerei in queste tre fotografie.

3 verità in foto

Prima verità. Siamo partiti carichi e con tanta energia, adesso siamo stanchi e un po’ frustrati perché dopo tre mesi abbiamo solo sistemato le cose burocratiche e non tutte. Ma il nostro obiettivo era festeggiare il primo anno di Leone all’estero e ce l’abbiamo fatta.

Il primo compleanno di Leone

Seconda verità. Ripartire da zero con una nuova casa è eccitante per chi come noi ha il pallino dell’arredamento e del design, ma forse siamo stati dei pazzi a farci portare su quasi tutte le nostre cose, compresa la collezione di scarpe di Matteo, oltre 65 paia tanti quanti i metri quadri della nuova casa ad Anversa!!!

La nostra nuova casa ad Anversa

Terza verità. Nei primi mesi ci sono momenti di sconforto enormi, mandi decine di curriculum e nessuno ti risponde, parli con i recruiters e cercano gente che parla neerlandese. A volte ti viene un groppo in gola, pensi di non farcela e tornare indietro ti sembra quasi la soluzione più sensata. Sbagliato! Ci stiamo forzando di pensare che ogni stop è solo un altro start, ma non sempre abbiamo l’energia per farlo. Gli amici che abbiamo incontrato lungo questa nuova strada ci stanno vicino e stanno diventano una risorsa indispensabile per farci forza! Grazie di cuore.

Alcuni nostri amici ad Anversa
Alcuni nostri amici ad Anversa

3 verità su Anversa

Prima verità. Molto lo danno per scontato, nessuno lo ammette del tutto: qui si parla fiammingo. Parlano tutti inglese, alcuni anche il francese ma se parli fiammingo è un’altra cosa. Studiare questa lingua non è semplice e bisogna farlo almeno per quattro ore al giorno per sei mesi o un anno, solo così si arriva ad un buon livello!

Il corso di Neerlandese
Il corso di Neerlandese

Seconda verità. Qui funziona tutto. La burocrazia è veloce, entri in un ufficio ed esci dieci minuti dopo che hai i documenti oppure hai risolto il problema che avevi. Chiaramente se sei europeo e se parli inglese è tutto più facile. Da notare che si lamentano per la lentezza, forse non sanno com’è l’ Italia!!!

La bellissima Stazione di Anversa
La bellissima Stazione di Anversa

Terza verità. La città è meravigliosa: poliedrica, piena di vita e arte. Non è una città per fare baccano, ma un luogo dove si vive benissimo con i bambini. E’ piena di musei e stimoli culturali oltre che modaioli…È perfetta…

Quindi che cosa ci manca a tre mesi dalla nostra partenza? La pizza, quella buona e il calore delle nostre famiglie, i nostri vecchi amici che portiamo nel cuore e due bei lavori…Non disperiamo continuiamo a cercare con i nostri alti e bassi di ogni giorno. Siamo umani, siamo fragili e anche forti al momento giusto. Ma sapete che cosa fa la differenza in tutto questo? L’amore, quello forte e incondizionato, l’unione di due persone che hanno sentimenti veri e obiettivi in comune…Ce la faranno i nostri eroi?

Buon San Valentino a tutti… 

Foto in copertina di Flavia Eleonora Tullio scattata sulla spiaggia di Senigallia.

Un pensiero riguardo “San Valentino: 3 verità da espatriati

  1. Condivido a pieno tutte le vostre parole! Sono sicura che tutti noi ce la faremo perché siamo persone forti, determinate e talentuose! Un bacio :*

Lascia un commento